L’INTERVENTO DELLA RAGGI
“Impensabile Roma senza il torneo”

ROMA – Una ritrovata sintonia, nel nome di un evento in grado di promuovere la Città Eterna in tutto il mondo. E’ l’aspetto su cui mette l’accento Virginia Raggi, sindaca di Roma, nel suo intervento alla presentazione della 74esima edizione degli Internazionali BNL d’Italia di tennis, alla Sala delle Armi del Foro Italico.

RAGGI: “INTERNAZIONALI FIORE ALL’OCCHIELLO DI ROMA” – “E’ veramente un onore oggi essere qui perché gli Internazionali di tennis rappresentano senza dubbio il fiore all’occhiello che questa città si vanta di avere” – ha subito sottolineato il primo cittadino della Capitale Raggi – “e fra l’altro all’interno di un panorama internazionale. Per noi è estremamente importante poterli ospitare, e continuare a farlo, qui a Roma. Anche perché ci sono i migliori atleti e le migliori atlete che si sfidano sul campo e ciò rappresenta una bellissima opportunità per la città di mostrarsi al mondo. Ed è proprio su questo che stiamo lavorando come Amministrazione, su due fronti. Da un lato, in stretta collaborazione con gli organizzatori, la Federtennis, il Coni e Coni Servizi, per garantire tutto ciò che è necessario dal punto di vista sportivo, e dall’altro lato abbiamo già avviato delle conferenze di servizi per garantire che la città sia accogliente non solo per gli atleti, ma anche per i loro famigliari, gli spettatori e tutti gli appassionati perché Roma può offrire tanto. Con questo spirito di accoglienza ci stiamo preparando ad ospitare questo bellissimo evento”.

“CITTA’ INSCINDIBILMENTE LEGATA A QUESTO EVENTO” – La sindaca capitolina ha poi raccontato un aneddoto. “Quando sono arrivata in Campidoglio subito l’assessore allo sport Daniele Frongia mi ha detto ‘c’è un problema con gli Internazionali, forse il presidente Binaghi ce li porta via perché dice che ultimamente l’amministrazione non è stata molto presente’, e mi ha accennato come non ci sia stata grande collaborazione con l’amministrazione in passato. Ci siamo subito adoperati per riallacciare i rapporti perché Roma è una città che vuole ospitare questi eventi, vuole rilanciare gli Internazionali e consolidare questo rapporto di collaborazione e amicizia che non può non esserci. Oggi siamo qui per rivendicare come Roma e gli Internazionali sono inscindibilmente legati, e questo aspetto deve essere chiaro. Un piccolo intoppo in partenza che è stato superato grazie al lavoro di tutti”, ha tenuto a sottolineare la Raggi, per poi prendere spunto da un altro episodio personale per ribadire l’impegno di chi governa la città.
“Quando sono arrivata mi è stato chiesto se giocassi a tennis. Purtroppo no, devo ammetterlo: non gioco a tennis. Mi hanno allora detto che non sono perfetta. Non lo sono, ma speriamo che Roma lo sia nel contribuire all’organizzazione di questo evento, nelle fasi preparatorie, in quelle di svolgimento e successive: stiamo facendo sì che l’Amministrazione sia in grado di rispondere appieno alle esigenze degli organizzatori e a tutto quel che comporta un evento di questo genere, soprattutto in termini di servizi che la città deve offrire alle persone che arrivano”.

“SORTEGGIO ALL’ARCO DI COSTANTINO NOSTRO BIGLIETTO DA VISITA” – Quindi un annuncio, con una vena di legittimo orgoglio. “Questa manifestazione si apre venerdì 12 maggio all’Arco di Costantino con il sorteggio degli atleti in tabellone. Sarà il nostro primo biglietto da visita. Per questo è doveroso ringraziare tutti coloro che si sono adoperati, lavorando insieme come il meccanismo di un orologio per far sì che tutto possa andare al proprio posto. Per quel che ci riguarda, noi siamo estremamente felici di ospitare a Roma gli Internazionali d’Italia di tennis” – ha concluso Raggi – “E speriamo che questa amicizia ritrovata si consolidi”.