News
Hanno detto

Rybakina e la pioggia: “Per la mia allergia è stata un bene…”

La kazaka dopo il successo agli Internazionali BNL d’Italia si candida come una delle possibili protagoniste anche a Parigi

E’ quasi l’una e mezza del mattino quando la nuova regina di Roma arriva in conferenza stampa. Stanca Elena Rybakina, più per la giornata infinita che non per la finale, terminata bruscamente dopo poco più di un set. “Ovviamente sono felice per il titolo ma non per il modo in cui si è conclusa la partita. Sono soddisfatta perché per me sono state due buone settimane. E’ stata una giornata difficile da gestire: poi dopo quattro ore di ritardo sull’orario previsto è stata dura ma ero con il mio team, quindi abbiamo cercato di parlare, di intrattenerci a vicenda per un po’. Mi è capitato altre volte di scendere in campo in ritardo rispetto all’orario previsto ma sfortunatamente non si può governare il meteo”.

Era da quattro anni, dal suo primo trofeo WTA conquistato a Bucarest, che la 23enne kazaka nata a Mosca non vinceva un torneo sul “rosso”: “Penso che con il mio gioco, in generale, posso giocare bene su tutte le superfici. È solo che forse per la terra battuta ho bisogno di essere più pronta fisicamente e forse anche di molta preparazione, cosa che non sempre ho tempo per fare dopo una stagione sul cemento”.

IBI 2023 | Internazionali BNL d’Italia 2023 | Roma, Foro Italico

Poi parla della sua avversaria: “Credo sia stato un gran torneo per Anhelina: ha giocato alcuni match davvero difficili. Sono davvero felice per i suoi miglioramenti, spero che possa continuare così. E’ un peccato che non sia riuscita a finire la partita, mi auguro che non sia niente di grave”.

Il prossimo obiettivo da centrare potrebbe essere il Roland Garros: “Il torneo è piuttosto lungo. Voglio dire, spero di poter andare lontano a Parigi: ho dei bei ricordi di quando ci ho giocato. Stavolta ho più partite sulla terra battuta, quindi è un po’ più facile e sicuramente un po’ più sicuro. Sì, per me, come dico sempre, è importante essere in salute, essere pronta fisicamente, quindi spero di poter andare lontano”.

Ma la pioggia non ha creato solo problemi alla kazaka, è stato anche un piccolo vantaggio vista la sua allergia al polline: “In realtà mi fa davvero bene questa pioggia, perché di solito soffro molto qui a Roma. Anche perché fa piuttosto caldo. In questo caso sono stato fortunata. Quando stavo arrivando non avevo alcuna aspettativa perché di solito è davvero difficile per me persino allenarmi, non solo giocare le partite”.

Una stagione fin qui da incorniciare per Elena, seconda solo a Sabalenka per numero di vittorie (28 contro 29): “Sono orgogliosa di poter mantenere questo livello. Non è facile, con tutta la programmazione, viaggiare. Penso che con il mio team stiamo facendo un buon lavoro. Vedo miglioramenti in campo, anche fisicamente. Penso che siamo sulla buona strada ma anche che ci sia ancora molto spazio per migliorare. Ma sì, per ora sta andando bene, e spero di poter continuare così fino alla fine della stagione. Cosa ne faccio dei trofei? Per ora li tengono i miei genitori. Un giorno, quando deciderò dove vivere ed avrò una casa tutta mia me li riprenderò”.

Leggi anche

Title Partner

  • BNL

Main Partner

  • BMW
  • Joma
  • RealeMutua

Official Partner

  • Algida
  • Moscato D’Asti
  • Auricchio
  • Dunlop
  • eCampus
  • Edison
  • Emirates
  • Emu
  • Heineken
  • Hologic
  • Nilox
  • RTL
  • Rummo
  • Technogym
  • TicketOne
  • Valmora
  • Vechain

Iscriviti alla nostra newsletter

Completa la procedura di registrazione

Letta e compresa l’Informativa Privacy, espressamente e liberamente

il trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui al paragrafo 3.2

Annulla

Registrazione avvenuta con successo

Close
x ()