GIORGI ELIMINA CIBULKOVA, ERRANI AVANTI
SUBITO FUORI VINCI E BURNETT

Due squilli azzurri in questa giornata agli Internazionali BNL d’Italia in corso al Foro Italico con Sara Errani e Camila Giorgi che si sono qualificate per il secondo turno, raggiungendo Pennetta e Schiavone. Fuori Nastassja Burnett e Roberta Vinci.

Camila Giorgi (Foto G. Sposito)

Camila Giorgi (Foto G. Sposito)

C’era grandissima attesa per la prima di Camila Giorgi al Foro Italico, e la 22enne di Macerata ha ripagato ampiamente le attese. Su un “Pietrangel” gremito all’inverosimile la marchigiana ha elimunato per 64 76(2)  Dominika Cibulkova, nona favorita del seeding, una delle giocatrici più in forma di questo 2014. La slovacca, scatenata agli Australian Open, dove ha raggiunto la sua prima finale Slam, vittoriosa ad Acapulco e semifinalista a Key Biscayne, ha trovato nella Giorgi pane per i suoi denti. Camila, dopo aver fallito l’opportunità di chiudere nel dodicesimo gioco, non si è disunita e ha dominato un tie-break vinto per 7 punti a 2. Per la marchigiana è la quarta vittoria contro una top ten (Wozniacki, Errani e Sharapova le altre). Al secondo turno troverà la statunitense McHale: l’unico precedente, quest’anno a Sydney, lo ha vinto l’americana in tre set.

Sara Errani (Foto G. Sposito)

Sara Errani (Foto G. Sposito)

Vittoria secondo pronostico, invece, per Sara Errani. La numero uno azzurra ha aperto la sessione sul Centrale battendo per 75 63 Chanelle Scheepers, 30enne sudafricana, confermando il risultato delle loro sfide precedenti. La romagnola ha dovuto però superare la tensione di un esordio emotivamente molto sentito: dopo un avvio stentato, che le è costato i primi tre giochi del match, Sara è lentamente entrata in partita. Ha impattato sul 3 pari e si è aggrappata al punteggio fino al 5 pari quando ha chiamato la fisioterapista per un problema (respiratorio spiegherà poi) che per fortuna si è risolto in breve. Superato il momento difficile la Errani ha preso le misure alla sua avversaria chiudendo senza troppi problemi. Sara, che questa settimana proverà a difendere i punti della semifinale raggiunta qui lo scorso anno, dovrà ora affrontare la russa Ekaterina Makarova, che ha eliminato l’amica Roberta Vinci. Nel bilancio dei precedenti la russa è avanti per 3-2.

Roberta Vinci (Foto A. Costantini)

Roberta Vinci (Foto A. Costantini)

Brutta giornata, infatti, per la tarantina, che nel terzo match sul Grandstand è stata sconfitta per 62 76(6) dalla russa Makarova. Questa non è decisamente la stagione di Roberta, almeno in singolare: la 25enne di Mosca, che aveva perso contro la Vinci l’unico precedente, disputatosi lo scorso anno a Toronto, ha avuto un solo momento complicato, in avvio di secondo set, quando si è trovata indietro di un break. In questa stagione la Makarova ha vinto a Pattaya City il suo secondo titolo in carriera. “Senti la pressione perché comunque vuoi fare bene e dimostrare alla gente che sei forte, che vinci anche per loro – ha provato a spiegare Roberta – però alcune volte non ti riesce e oggi a me non è riuscito. Come ho detto, ho cercato di fare il massimo, però di fronte c’era un’avversaria che ha giocato meglio di me”.

Nastasja Burnet (Foto A. Costantini)

Nastasja Burnet (Foto A. Costantini)

Nulla da fare, invece, poche centinaia di metri più in là, sul Campo 1, per Nastassja Burnett, che lo scorso anno si prese il lusso di eliminare all’esordio la francese Cornet. Troppo forte per “Asia” Garbine Muguruza, che si è imposta per 61 63. La spagnola, 20 anni e numero 34 del mondo,  ha oltre 100 posizioni di vantaggio sulla tennista romana, ed è una delle nuove giocatrici più promettenti. La Burnett non è riuscita a bissare il risultato dell’unico precedente, vinto lo scorso anno sulla terra battuta di Stoccarda.

Na Li (Foto G. Sposito)

Na Li (Foto G. Sposito)

A conclusione della giornata delle tenniste italiane, in serata esordio positivo della migliore tennista del mondo in questa prima parte di 2014: Li Na. La cinese, che nel 2012 mancò due match point per scrivere il proprio nome nell’albo d’oro di questo torneo, ha liquidato 61 64 la qualificata australiana Casey Dellacqua.

Angelique Kerber (Foto G. Sposito)

Angelique Kerber (Foto G. Sposito)

Da segnalare l’uscita di scena di Angelique Kerber e Petra Kvitova. La tedesca, che tornava al Foro a due anni di distanza dalla semifinale del 2012 quando fu fermata dalla Sharapova, ha ceduto per 46 63 64 alla ceca Petra Cetkovska, mentre la ceca ha fornito un’altra prestazione opaca contro la cinese Shuai Zang (76 57 63).

Petra Kvitova (Foto G. Sposito)

Petra Kvitova (Foto G. Sposito)