News
In Evidenza

L’insospettabile Medvedev spunta dall’ombra: è lui il nuovo re di Roma

Arrivato agli 80esimi Internazionali BNL d’Italia con zero vittorie in tre presenze, il russo conquista il primo trofeo ATP in carriera sulla terra battendo 75 75 il numero 7 del mondo Holger Rune

Arriva dall’ombra, quando nessuno se lo sarebbe aspettato e conquista tutto, pubblico e trofeo: Daniil Medvedev è il nuovo campione degli Internazionali BNL d’Italia. Si era presentato con zero vittorie in tre partecipazioni a Roma, una sola finale giocata sulla terra nel circuito maggiore e due soli titoli conquistati su questa superficie ad inizio carriera in tornei Futures.

Dopo due settimane di grande tennis, messe a dura prova solo dal maltempo, il russo numero 3 del mondo si è spinto passo dopo passo fino ad una finale che in pochi avrebbero potuto pronosticare ad inizio torneo. Perdendo per strada soltanto un set, nonostante lui stesso non si sentisse come uno dei favoriti per il titolo, Medvedev ha completato il suo grande capolavoro con un doppio 75 contro il danese numero 7 del mondo Holger Rune.

Il 27enne moscovita ha cambiato il suo modo di giocare, adattato le sue tattiche e persino cambiato scarpe e corde per quel ‘rosso’ tanto indigesto prima di oggi, trovando la consacrazione anche su una superficie da lui stesso definita “odiata” in più occasioni. Un risultato strabiliante che lo riporta sul secondo gradino del ranking maschile (era stato n.1 per 16 settimane ad inizio 2022) e lo rende l’unico giocatore in top-10, insieme a Djokovic e Tsitsipas, ad aver vinto almeno un trofeo su cemento, erba e terra.

Conquistata la 38esima vittoria della stagione, il numero 1 della Race che decreterà gli otto qualificati alle Nitto ATP Finals di Torino si è imposto ancor di più come il giocatore fin qui più vincente della stagione alzando il quinto trofeo del suo 2023 che lo porta a superare il record personale stabilito due anni fa.

Roma 21 maggio 2023 Internazionali BNL d’Italia 2023 Finale singolare maschile Holger Rune – Daniil Medvedev – Foto Adelchi FIoriti/FITP

LA PARTITA

La prima finale dal 2005 ad oggi senza uno tra Novak Djokovic e Rafael Nadal inizia con oltre un’ora e mezza di ritardo a causa di un violento temporale, improvviso e inatteso quanto l’ascesa di Medvedev nel cielo tennistico di Roma. Nel primo set è Rune ad avere le maggiori chance a livello di punteggio, specialmente nel quinto gioco in cui il russo commette due doppi falli sanguinosi. Il numero 3 del mondo rimedia però con quattro prime palle consecutive e rimonta da 15-40. Nella fase centrale del set i servizi sono padroni – molto alte sono le percentuali di punti vinti con la prima da entrambi i giocatori – e gli scambi sono per lo più brevi, nonostante sembra essere il moscovita a comandare di più gli scambi.

L’ex numero 1 del mondo, bravo ad assorbire da fondocampo la spinta del danese, regge meglio il braccio di ferro da più di 10 colpi e soprattutto incide di più in quello sulla diagonale del rovescio. Il risultato è che l’inerzia si sposta col passare del tempo dalla parte di Medvedev il quale si porta in due occasioni a due punti dal set in risposta e, arrivato nuovamente sul 30-30 nel dodicesimo game, completa il suo ingegnoso piano tattico operando il break alla prima chance avuta in tutto il parziale.

Internazionali BNL d’Italia 2023 Roma 21/05/2023 Holger Rune Foto Giampiero Sposito

Il livello già alto visto nella prima fase di partita si eleva a livelli ancora più sublimi nel secondo set. Rune passa subito in vantaggio strappando a zero il servizio al moscovita, che mette le cose in chiaro riportando poco dopo il punteggio in parità. Adesso che il maltempo è finalmente passato e che il sole domina alto sul Foro Italico, splendono anche i due protagonisti entusiasmando il pubblico del Campo Centrale con scambi ad altissima intensità e righe “sverniciate” in più occasioni.

Il manifesto più evidente è lo scambio da 38 colpi vinto con un’accelerazione improvvisa da rovescio da Rune nel primo punto del settimo gioco, vinto a zero in risposta dal danese. Il 20enne di Gentofte, nonostante venga messo sulle ginocchia da alcuni duelli estenuanti, si porta a servire sul 5-4 per portare la partita al terzo e decisivo set. Ma il piano del diabolico Daniil è tutt’altro che stracciato e ha come fase finale la conquista degli ultimi tre game, di cui due sul servizio dell’avversario, che lo proiettano direttamente nell’albo d’oro degli Internazionali BNL d’Italia.

Roma 21 maggio 2023 Internazionali BNL d’Italia 2023 Finale singolare maschile Holger Rune Daniil Medvedev – Foto Adelchi FIoriti/FITP

Voglio sempre credere in me stesso e voglio sempre vincere i tornei più grandi del mondo“, ha dichiarato a caldo il primo campione russo nella storia del torneo – . Ma allo stesso tempo non pensavo di poter vincere un Masters 1000 sulla terra nella mia carriera perché di solito odiavo giocare su questa superficie“. Come non detto: la 33esima vittoria stagionale dopo aver vinto il primo set è archiviata, la prima gioia sul ‘rosso’ anche. Daniil Medvedev è pronto per imporsi tra i principali favoriti di ogni torneo anche sulla terra, i suoi avversari al Roland Garros sono già avvisati.

Leggi anche

Title Partner

  • BNL

Main Partner

  • BMW
  • Joma
  • RealeMutua

Official Partner

  • Emirates
  • Dunlop
  • Algida
  • Valmora
  • Pepperstone
  • Hologic
  • Heineken
  • TicketOne
  • Emu
  • RTL
  • Technogym
  • Nilox
  • Edison
  • eCampus
  • Vechain
  • Moscato D’Asti

Iscriviti alla nostra newsletter

Completa la procedura di registrazione

Letta e compresa l’Informativa Privacy, espressamente e liberamente

il trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui al paragrafo 3.2

Annulla

Registrazione avvenuta con successo

Close
x ()