L’ESORDIO DI NAOMI

Nel super-giovedì del Foro Italico, la metà esatta dei 40 matches che si disputeranno oggi a partire dalle 10:00 e fino a chissà che ora – arrivate attrezzati con zaini pieni e piumini per la sera – sono del tabellone femminile. Il pubblico era incuriosito già ieri di vedere all’opera, live, la nippo-americana (di nazionalità Giappone) Naomi Osaka, un’altra di queste ragazzine terribili che a 21 anni è numero 1 del mondo da ben 16 settimane e ha già vinto due slam, Us Open nel 2018 e gli Australian Open a gennaio. Tutti curiosi di vederla all’opera, potrebbe essere lei la nuova regina del tennis, il talento che riesce a dare continuità al tennis femminile che da qualche anno vive situazioni molto fluide al vertice. Per dare un’idea: quest’anno nessuna giocatrice ha vinto due tornei di seguito.

Naomi ha tutte le carte giuste per bucare. Cosa che ha già fatto: fisico potente, tennis aggressivo e implacabile, piace un sacco il suo essere colored (il padre è haitiano poi trasferito a New York, la mamma è giapponese), con gli occhi a mandorla, il tutto circondato da una cascata di riccioli. È la sua terza apparizione a Roma ma la terra rossa non è la superficie favorita.
Contro di lei la slovacca Dominika Cibulkova, n.33 del seeding, 30 anni compiuti pochi giorni fa. Nei confronti diretti la giapponese conduce per tre a zero.
Non possiamo, né vogliamo, trattare tutti i venti matches in programma. Sono da circoletto rosso almeno altre quattro partite. Il terzo incontro sul campo 6 vede l’una contro l’altra l’estone Kontaveit (n. 16) contro la qualificata Maria Sakkari, la greca n. 39 al mondo, che di recente ha ottenuto una bella vittoria: Sakkari è sempre stata molto legata a Stefano Tsitsipas ma ultimamente sembrano proprio fidanzati. Qui al Foro sono stati immortalati dai fotografi mano nella mano nei pressi della player lounge, a due passi dalla vasca monumentale del complesso dell’ex aula bunker.
Occhio al programma (prendetene anche una copia all’ingresso e alle biglietterie) perché causa affollamento oggi trovate partite pazzesche nei campi ground più disparati.

Alle 10 del mattino, sul campo numero 2 trovate la n. 8 del mondo Sloane Stephens contro la britannica Johanna Konta (n.42). La vincente tra le due se la vedrà, quarto incontro sul Centrale, proprio con Venus Williams, la giocatrice più anziana del circuito (39 anni) reduce dalla vittoria per ritiro contro la sorella Serena.
Occhi puntati su la kazaka Putintseva e l’americana Sofia Kenin: sono, a detta di molti, il futuro del tennis femminile. Buona giornata, seguite tutti gli aggiornamenti sul nostro sito #ibi19.