News
LIVE BLOG

LIVE BLOG: SABATO 14 MAGGIO
Nole per un pelo con Nishikori. Sarà finale con Murray
Serena–Keys: prima finale afroamericana a Roma

Questo contenuto è stato pubblicato 6 anni fa. Potrebbe essere riferito ad un’edizione passata degli Internazionali BNL d’Italia.

Novak Djokovic (Foto Giampiero Sposito)

Novak Djokovic (Foto Giampiero Sposito)

23:30 – Con l’emozionante semifinale maschile si chiude il nostro racconto odierno dagli Internazionali Bnl d’Italia. Nonostante la pioggia abbia provato a guastare la festa alle migliaia di appassionati giunti anche oggi al Foro, alla fine abbiamo potuto godere di un’altra giornata di grande tennis. Buonanotte dal Foro Italico.

23:13 – Novak Djokovic in finale! Al termine di una battaglia di 3 ore e 2 minuti, il Numero Uno chiude il tie break 7-5 al quarto match point (era sotto 3-1, poi avanti 6-3) e completa la sua rimonta su Kei Nishikori 2-6, 6-4, 7-6. Il giapponese potrebbe faticare a prender sonno pensando al doppio fallo sul 3-3 di questo tie-break, momento centrale di un passaggio a vuoto che ha permesso a Nole di conquistare cinque punti di fila in un match che si è giocato lottando su ogni “quindici”.

Il Foro Italico avrà dunque la finale più logica, riedizione dell’epilogo di una settimana fa a Madrid, contro Andy Murray tra le prime due teste di serie. Per il serbo, quattro volte campione a Roma, è la settima finale al Foro. Per lo scozzese si tratta della prima assoluta.

23:03 – Entrambi tengono il servizio e si va sul 6-6. Il match si deciderà al tie break. Al Centrale si trattiene il respiro. Siamo vicini alle 3 ore di gioco.

22:56 – Nishikori salva un match point sul 30-40 (servizio esterno dritto in contropiede). Con un ace si guadagna il 5-5.

22:40 – Dal possibile 5-1 Djokovic, si passa al 4-3. Nishikori recupera il break di svantaggio al terzo tentativo. Il giapponese è ancora vivo.

22:11 – Che il match ha girato totalmente, lo si evince anche dall’opportunità non sfruttata da Nishikori (fin qui aveva convertito due palle break su due) per tornare in partita. Djokovic si salva e vola sul 3-0.

22:04 – 100% di trasformazione sulle ultime due palle break a disposizione a cavallo dei due set. Djokovic si riscopre cecchino infallibile nei momenti clou del match e al primo spiraglio lasciato da Nishikori non si lascia pregare. Strappa ancora il servizio a Kei e vola 2-0 nel set decisivo.

21:50 – La decima è quella buona. Dopo 9 palle break gettate alle ortiche, Djokovic fa centro al decimo tentativo sul servizio Nishikori, la palla più pesante di tutte perché coincide con il punto set. Nole firma così il pareggio, portando a casa il set per 6-4. Dopo 1 ore 41 minuti, l’inerzia del match torna tutta verso Belgrado.

21.42 – Per la seconda volta nel set Nishikori salva il turno di battuta dopo essere stato in grande difficoltà. Era sotto 15-40 con Djokovic straripante. Prova di carattere e buon viatico verso un clamoroso successo o segno che qualcosa nel suo gioco comincia a vacillare?

21.32 – Martina Hingis e Sanja Nirza superano 6-3 6-4 Begu e Nicolescu e domani si giocheranno il titolo con la coppia russa  formata da Elena Vesnina ed Ekaterina Makarova.

21.27Warning a Djokovic che su un servizio out di Nishikori spara la palla sotto il seggiolone dell’arbitro con un gesto di stizza. Rischiando di far davvero male al raccattapalle…

21.23 – Si lotta ma il secondo set resta in equilibrio, senza break: 3-2 Djokovic

21:08 – Il secondo game del secondo set potrebbe andare in archivio come uno dei punti cruciali di questo incontro: gli sono serviti oltre otto minuti, ma Kei è riuscito a difendere con le unghie e con i denti un turno di servizio in cui inseguiva 0-40. Il giapponese in tutto ha annullato quattro palle break, in uno dei giochi più delicati e importanti di questa semifinale. Il livello di gioco è altissimo.

 

Kei Nishikori (Foto Giampiero Sposito)

Kei Nishikori (Foto Giampiero Sposito)

20.54 – Grandi accelerazioni, sicurezza, anticipo. Nishikori domina il gioco e chiude il primo set 6-2! 44 minuti….

20.51 – Missile di rovescio lungolinea che atterrà giusto giusto sulla riga e Kei Nishikori fa un altro break. Ora andrà a servire sul 5-2…

20:42 – Salvando un’ulteriore palla break, Kei riesce a consolidare il break: 3-1 per il 26enne di Shimane. Nole tiene il servizio a zero, questa volta senza patemi, e si va al terzo cambio campo sul 3-2. La partita è giovane, e molto interessante.

20:32 – Kei Nishikori, leggermente distratto dai fastidi di Djokovic, annulla una palla break nel secondo gioco per poi tenere la battuta, conquistare fiducia e compiere il break ai danni di Nole. Il giapponese è decisamente pimpante: 2-1 e servizio.

racchetta nishikori20:22 – Dopo un game, sul Centrale c’è già un colpo di scena: Nole è dolorante alla caviglia sinistra, dopo essersi colpito accidentalmente con la racchetta, e ha chiesto un Medical Time Out per farsi trattare. Il giocatore a rischio doveva essere Nishikori, che ieri sera è arrivato in conferenza stampa con un impacco di ghiaccio sulla coscia. In ogni caso, il gioco è già ripreso. Intanto qui vi mostriamo la sua racchetta in fase d’incordature: è una Wilson Burn 95 e lui la fa preparare con ibrido ( budello e sintetico Luxilon G4) alla tensione di soli 19 chili.

20:01 – La Marcia Imperiale di Star Wars, come di consueto colonna sonora dell’ingresso in campo dei guerrieri tennisti, accoglie Kei Nishikori e Novak Djokovic sul Centrale. Una giornata minacciata dal maltempo sembra potersi concludere senza intoppi: sul Foro Italico la serata è splendida. La seconda semifinale maschile, che eleggerà l’avversario del birthday-boy Andy Murray, sta per cominciare.

 

Serena Williams (Foto Giampiero Sposito)

Serena Williams (Foto Giampiero Sposito)

19.26 – Vasek Pospisil e Jack Sock entusiasmano un Campo Pietrangeli affollatissimo e conquistano il primo posto in finale battendo 7-6 7-6 la coppia indo rumena formata da Rohan Bopanna e Florin Mergea.

18:55 – E’ un brusco risveglio, quello cui Serena Williams ha costretto Irina Camelia Begu, la cui settimana da sogno agli Internazionali BNL d’Italia termina con un secco 64 61. La numero 1 del mondo sta giocando forse il suo migliore tennis dell’anno, e sembra aver trovato a Roma quello che cercava in vista dell’impegnativa difesa del titolo al Roland Garros, al via tra otto giorni. Roma avrà una splendida finale femminile, la prima tutta afro–americana: Madison Keys e Serena sono tra le più spettacolari giocatrici in circolazione, e non è un incontro così chiuso come potrebbe sembrare.

 

18:41 – Dallo stakanovista Andy, che salta la doccia post-match per correre ad allenarsi, all’indomito Nole che, pur di allenarsi, finisce sotto la doccia… naturale. Incurante della pioggia battente, Djokovic affina i suoi colpi sul campo 2 in attesa della semifinale di stasera con Nishikori. Il nostro Luca Coppola (bagnatissimo!!) non si è perso un colpo.

 

18:20 – I ribaltoni al servizio fanno sempre meno notizia. Williams e Begu continuano scambiarsi favori reciproci. 1-1

Serena Williams (Foto Antonio Costantini)

Serena Williams (Foto Antonio Costantini)

18:18 – Non decolla il match, condito da troppi errori, ma Serena plana comunque sul primo set. Anche un doppio fallo per Begu, che cede nuovamente il servizio. E’ bastata una Williams a scartamento ridotto per incamerare il 6-4, che la proietta ad un set dalla sua quarta finale al Foro.

18:05 – Quarto break consecutivo. Begu si riporta sotto 4-3, dopo aver salvato una palla per il 5-2 con Serena al servizio. Momento di confusione del match. La pioggia passeggera non facilita la concentrazione delle giocatrici.

17:57 – Interruzione inferiore ai 15 minuti, si riprende senza warm up. Begu salva la palla break, ma poi cede il servizio sul successivo attacco della Williams, che passa a condurre 4-2.

17:50 – Nuovo stop per pioggia sul Centrale, Williams e Begu si riparano nel tunnel. L’interruzione consente alle due giocatrici un coaching gratis. Le immagini tv le riprendono dietro le quinte a colloquio con i rispettivi allenatori. Lo stop arriva sul 3-2 per Serena e palla break per volare 4-2. Sarebbe il terzo break consecutivo del match.

17:33 – Braccia al cielo per Madison Keys, prima finalista del torneo femminile. Il nastro le nega la gioia sul primo match point, ma il diritto della Muguruza a mezza rete sul secondo tentativo regala alla 21enne americana la prima finale del 2016. 7-6, 6-4 per la numero 24 del mondo in un’ora e 42 minuti, che si conferma bestia nera per Gaby (2-0 negli head to head). Grande delusione per la numero 3 del tabellone, che aveva l’opportunità di ottenere un risultato prestigioso sulla terra, superficie a lei non troppo congeniale, nonostante i due quarti raggiunti al Roland Garros nel 2014 e 2015.

17:31  – Un violento scroscio di pioggia sembra venire in soccorso della Muguruza, a due punti dalla capitolazione. Madison è sul 5-4 del 30-15. Le giocatrici restano in campo, mentre gli addetti sistemano il terreno di gioco.

IMG_279917:21 – Andy Murray degno del miglior Aleksej Stachanov.  Appena terminata la semifinale con Pouille, l’inesauribile scozzese si è diretto sul campo 4 per un allenamento supplementare, senza neanche passare per gli spogliatoi. Qualche spettatore sulle tribunette si chiedeva se fosse realmente lui!

17:15 – Si fa dura per la Muguruza sul Pietrangeli. Un doppio fallo di Gaby manda al break la Keys, il primo del secondo set. L’americana ora è avanti di un set e 4-3 nel secondo. Fasi di studio tra Williams e Begu. Siamo sull’1-1.

17:02 – Anche il cielo, finalmente meno minaccioso, sembra volere omaggiare Serena Williams e Irina Camelia Begu, pronte a dare battaglia sul Centrale. La N.1 insegue la quarta finale romana dopo i trionfi del 2002, 2013 e 2014. Per la rumena, dopo i quarti a Madrid, questa è semifinale è la conferma del grande momento di forma che sta vivendo.

16:52 – E’ servita, invece, un’ora tonda sul Pietrangeli per consegnare a Madison Keys il tie break del primo set (7 punti a 5). Ma colossale ingenuità della Muguruza, che ha regalato i due set point all’americana, sbagliando un facile colpo di chiusura a due metri dalla rete.

ndy Murray (Foto Antonio Costantini)

ndy Murray (Foto Antonio Costantini)

16:38 – E infatti il verdetto arriva al 59′ di partita. Il 6-2, 6-1 è la sentenza di Murray che, senza cedere un set, vola per la prima volta in finale al Foro (il miglior risultato era la semifinale del 2011 con Djokovic, persa al tie break del terzo). Si chiude la bella avventura di Pouille, che da lucky loser è arrivato a giocarsi la sua prima semifinale in un Masters 1000. Alle 17 si riparte sul Centrale con S. Williams-Begu. Intanto sul Pietrangeli Muguruza e Keys si contendono il primo set al tie break.

16:36 – Ci siamo. Murray ottiene un altro break. Può servire per il match sul 5-1 dopo neanche un’ora di gioco.

16:29 – Palla corta e voleé. E’ lo schema maggiormente premiante per Murray, che sfonda ancora sul servizio di Pouille grazie anche ad una poderosa risposta di rovescio incrociato. Molti gli errori non forzati del francese, costretto a giocare sopra ritmo dallo scozzese, che conferma anche il suo servizio e, sul 4-1, intravede il traguardo FINALE.

16:23 – Riprende a piovere ma Carlos Bernardes decide di far continuare il match sul Centrale. Già interrotto il match tra Keys e Muguruza sul Pietrangeli. Oggi ci vorrà molta pazienza, e al cambio campo (6-1 2-1) a dirlo è anche la faccia di Murray…

16:09 – La breve interruzione non scompagina il file di Murray, che fa suo il primo set per 6-2. Il secondo break si concretizza al terzo tentativo.

16:02 – Sulle tribune del Centrale si canta e si balla a ritmo di musica. Sono passati 13 minuti dalla sospensione, i giocatori accolti, da un applauso liberatorio del pubblico, ripartono e Murray chiude a zero il game che lo traghetta sul 5-3. Anche le nuvole sembrano meno minacciose e si intravedono scorci di cielo sereno. Sul Pietrangeli si riprenderà a breve.

Ripararsi dalla pioggia in ogni modo è lecito (Foto Antonio Costantini)

Ripararsi dalla pioggia in ogni modo è lecito (Foto Antonio Costantini)

15:53 – La pioggia arresta la galoppata di Murray. Ombrelli di nuovo aperti, i giocatori abbandonano il campo. Match sospeso sul 4-2 40-0 a favore di Andy. Stessa scena sul Pietrangeli ovviamente. Punteggio bloccato sul 3-2 Keys, 40-40 servizio Muguruza. Si è trattato di uno scroscio improvviso ma breve. Si dovrebbe riprendere presto.

15:50 – Ancdy conserva il servizio senza affanni e si porta sul 4-1. Break e controbreak immediati sul Pietrangeli. Keys ha l’opportunità di scappar via nel primo set, ma cede a zero il proprio turno di battuta. 3-2 per l’americana.

15:44 – Un game che sembrava saldamente nelle mani di Pouille (avanti 40-0), finisce invece per trasformarsi nel primo break in favore di Murray. Il francese abbozza il serve and volley sul break point, ma si espone al passante dello scozzese, che passa a condurre 3-1.

15.28 – Pronte per il match anche Garbine Muguruza e Madison Keys sul Pietrangeli.

15.12 – Parte anche la sigla musicale: Lucas Pouille sta saltellando nel corridoio che porta al campo.Lo annunciano. Eccolo in campo. Ed entra anche Andy Murray…

stadio dopo pioggia14.52 – Tolto il telo sul Campo Centrale. Gli spettatori stanno cominciando a prendere posto sulle tribune. Si prova a dare avvio alla giornata con Pouille-Murray mentre Muguruza e Keys sono state spostate sul Campo Pietrangeli

14.39 – Il clima condiziona anche il lavoro degli incordatori. Tutti i giocatori cercano di avere le racchette preparate il più vicino possibile all’orario del match perché l’umidità non influisca sulla tensione. La maggioranza dei Top player utilizza infatti i cosiddetti “ibridi”, metà sintetico e metà budello naturale. Ed è proprio la fibra animale che è particolarmente sensibile all’umido: si deteriora e perde tensione. Nel box degli incordatori abbiamo catturato proprio la racchetta di Serena Williams. E’ una Wilson Blade 104 (piatto corde ampio, proprio 104 pollici quadrati, peso 304 grammi)racchetta serena. La n. 1 del mondo la fa incordare con ibrido ( budello Wilson e monofilamento Luxilon G4) a una tensione elevata tra i 29 e i 30 kg. Ecco il video

14:13 – Viste le condizioni meteo ancora avverse, è stato revisionato l’ordine di gioco. Il nuovo programma prevede due semifinali in contemporanea: pioggia permettendo si comincerà alle 14:30 con la sfida tra Andy Murray e Lucas Pouille sul Centrale. Muguruza-Keys, inizialmente fissata sul campo principale, è stata dirottata sul Pietrangeli alla stessa ora.

13:42 – Piove ancora sopra il Foro Italico. E in sala stampa, come in giro per i ground, si chiacchiera di ricordi legati a tennis e pioggia. Per quanto le due cose vadano poco d’accordo, si parla comunque di un grande classico. Un rapporto di amore e odio, come tra cane e gatto, che ha segnato la storia di questo sport. Quasi scontato, ad esempio, ricordare quanto la pioggia faccia parte del DNA di Wimbledon, il torneo più affascinante del mondo, capace di rendere maltempo e coda per i biglietti due istituzioni affascinanti, rispettate e quasi divertenti.

Il Centre Court di Wimbledon durante una giornata di pioggia, durante l'edizione del 1922

Il Centre Court di Wimbledon durante una giornata di pioggia, durante l’edizione del 1922

Date un’occhiata a questa foto del 1922, che ritrae un Centre Court bagnatissimo e affollato di ombrelli. Certe cose cambiano poco, anche a distanza di 94 anni.

 

Massimiliano narducci

12.59 – Grandi manovre con i teloni sul Campo Centrale. Vengono sollevati (e poi ridistesi) per far defluire l’acqua in modo che non si formino accumuli e che nel momento in cui smettese di piovere si possa far partire il gioco nelle migliori condizioni.

12.52 – Era il 1988 e Andreino giocava contro Massimiliano Narducci ( qui a sinistra nella foto insieme a Paolo Canè).

Andre Agassi of the United States wearing his jean style shorts holds an umbrella open in jest on court during a Men's Singles match against Massimiliano Narducci during the French Open Tennis Championship on 25th May 1988 at the Stade Roland Garros Stadium in Paris, France.(Photo by Bob Martin/Getty Images)

Andre Agassi(Photo by Bob Martin/Getty Images)

12.47 – Una delle più popolari immagini di tennis con l’ombrello: Andre Agassi (ancora con capelli) al Roland Garros. Stava giocando contro un italiano. Qualcuno si ricorda quando è successo? E chi era l’azzurro? La risposta ve la diamo noi. Tra cinque minuti però…

12.38 – Al Foro Italico si attende facendo shopping tennistico agli stand. Distribuiti 10mila impermeabilini.

12:00 – Eccoci ancora insieme al Foro Italico! Su Roma piove da questa mattina e l’inizio del programma degli Internazionali BNL d’Italia previsto per le ore 12 slitta (oggi sono in programma le semifinali maschili e femminili). Al momento i campi sono ancora coperti dai teloni, Centrale “impacchettato” in vista di una schiarita che possa permettere l’inizio del primo match in palinsesto, Muguruza-Keys. Viste le avverse condizioni meteo gli spettatori oggi avranno la possibilità di entrare con il biglietto, uscire e poter rientrare con lo stesso tagliando.

Leggi anche

Follow us

Official sponsor

  • BNL
  • BMW
  • Joma
  • RealeMutua
  • Emirates
  • Dunlop
  • Algida
  • Valmora
  • FrecciaRossa
  • Ricoh
  • Pepperstone
  • Hologic
  • Eni
  • TicketOne
  • Herbalife
  • Emu
  • Technogym
  • Solgar
  • Moscato D’Asti
  • Kimbo
  • Heineken

Iscriviti alla nostra newsletter

Completa la procedura di registrazione

Letta e compresa l'Informativa Privacy, espressamente e liberamente

il trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui al paragrafo 3.1, ivi comprese quelle relative all’invio di newsletter, comunicazioni commerciali, promozionali e di marketing diretto attraverso sistemi di contatto totalmente automatizzati (ferma restando la possibilità di manifestare in qualsiasi momento la volontà di ricevere comunicazioni per le suddette finalità esclusivamente attraverso modalità di contatto tradizionali).

il trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui al paragrafo 3.2, ivi comprese quelle relative all’invio di newsletter, materiale pubblicitario e/o comunicazioni e informazioni di natura commerciale e di marketing indiretto su servizi e prodotti, relativi ad offerte, sconti e ogni altra iniziativa promozionale e di fidelizzazione adottata dai nostri partner commerciali attraverso sistemi di contatto totalmente automatizzati (ferma restando la possibilità di manifestare in qualsiasi momento la volontà di ricevere comunicazioni per le suddette finalità esclusivamente attraverso modalità di contatto tradizionali).

Annulla

Registrazione avvenuta con successo

Close