News
In Evidenza

Seppi raggiunge gli ottavi

Questo contenuto è stato pubblicato 10 anni fa. Potrebbe essere riferito ad un’edizione passata degli Internazionali BNL d’Italia.

L’urlo di gioia che esce all’unisono dai polmoni di Andreas Seppi e da quelli degli oltre tremila appassionati che hanno gremito gli spalti del Pietrangeli, pieno fino a scoppiare, è la degna conclusione di una straordinario mercoledì di tennis al Foro Italico.

L’azzurro ha battuto per 26 76 (5) 75 l’americano John Isner, nel secondo turno degli Internazionali BNL d’Italia. E’ la migliore vittoria della sua carriera sulla terra di Roma, per classifica dell’avversario (John è numero 10 del mondo) e avanzamento nel torneo: non aveva mai raggiunto gli ottavi, in otto precedenti partecipazioni.

Non è un caso che ci riesca quest’anno, quando sta giocando quello che sembra sempre di più essere il miglior tennis della sua carriera.

Una partita iniziata male, con uno svantaggio immediato di 0 a 4 presto trasformatosi in un 62, è diventata divertente ed emozionante nel secondo set. Andreas ha iniziato a leggere meglio il servizio del gigante americano, a detta di molti uno dei migliori della storia di questo sport. Sul 5-6, dopo un set senza break, è riuscito a conquistarsi la prima palla per strappare il servizio all’avversario. Un set point, prontamente annullato con una prima a 216km/h. Si arriva al tie break, giocato letteralmente alla perfezione da Andreas: non perde un singolo punto al servizio, e fa fruttare alla grande l’unico minibreak ottenuto, grazie a una risposta d’incontro ad una seconda palla che viaggiava a 180 all’ora.

Alla fine, a fare la differenza nel terzo set sarà l’unico break subito da John in tutto l’incontro: arriva sul 5 pari, alla dodicesima palla break. E’ la resa del gigante, con Andreas che chiude il match con autorità.

E’ una vittoria importantissima non solo per il modo e il luogo in cui arriva, ma anche perché interrompe una striscia di 30 match persi consecutivamente contro avversari Top 10 da parte di Seppi.

L’ultima vittoria era arrivata a Amburgo contro Richard Gasquet, lungo la incredibile corsa che lo portò fino alle semifinali dell’allora Masters Series tedesco.

Non è riuscita, invece, l’impresa a Fabio Fognini e a Paolo Lorenzi, che non possono proseguire la propria avventura negli Internazionali BNL d’Italia.

Nel match d’apertura di mercoledì sul Centrale, il tennista di Arma di Taggia è stato battuto dallo spagnolo Marcel Granollers col punteggio di 63 64. Un’ora e 34 minuti di tennis a tratti brillante, alternato a passaggi a vuoto troppo prolungati, che alla fine sono costati a Fabio un match in cui ha commesso quasi 40 errori non forzati. Stabile e costante è stato invece il livello di gioco del suo avversario, che ha saputo approfittare alla perfezione dei momenti di assenza dell’azzurro.

Fognini ha condotto di un break in entrambi i set, ma non è stato capace di consolidare il vantaggio. Nel secondo set, l’abbrivio di un avvio promettente si è esaurito sul 3-1, quando lo spagnolo è tornato a tessere la sua tela, imbrigliando Fabio in scambi prolungati e sfruttando al meglio il forte vento che anche oggi ha disturbato il gioco. Sul 3 pari, in preda alla frustrazione Fabio ha rotto la racchetta.

Un segnale che ha dato adito a brutte sensazioni, che si sono rivelate purtroppo fondate nel decimo gioco, quando dopo aver salvato alla grande tre match point, al quarto il ligure ha ceduto il quinto turno di servizio della sua partita.

Per la delusione del pubblico del Centrale, è quindi il 26enne di Barcellona, numero 26 del ranking, ad approdare agli ottavi di finale, dove attende il vincente tra il suo connazionale Nadal e il tedesco Florian Mayer.

Mi dispiace di aver perso – afferma l’azzurro in conferenza stampa – Ho giocato male, ho fatto un passo indietro rispetto all’ultima partita. Non nascondo che mi sarebbe piaciuto affrontare Nadal. Ora devo guardare avanti e restare concentrato”.

Stessa sorte per Paolo Lorenzi che, nel terzo match sulla SuperTennis Arena, si arrende al fuoriclasse francese Richard Gasquet, sedicesima testa di serie. 63 62 lo score dopo 1 ora e 24 minuti.

E’ questa la terza volta in cui il senese perde contro il transalpino. Le altre due: quest’anno a Estoril e nel 2011 a Miami.

Sul Pietrangeli, invece, Andreas Seppi (quarto ed ultimo match a partire dalle ore 11,00), ultimo italiano ancora in gara. Per lui dall’altra parte della rete lo statunitense John Isner, numero 9 del main draw.

L’altoatesino proverà a riscattarsi dalla sconfitta subita l’unica volta in cui lo ha affrontato: agli Australian Open nel 2009.

Leggi anche

Follow us

Official sponsor

  • BNL
  • BMW
  • Joma
  • RealeMutua
  • Emirates
  • Dunlop
  • Algida
  • Valmora
  • FrecciaRossa
  • Ricoh
  • Pepperstone
  • Hologic
  • Eni
  • TicketOne
  • Herbalife
  • Emu
  • Technogym
  • Solgar
  • Moscato D’Asti
  • Kimbo
  • Heineken

Iscriviti alla nostra newsletter

Completa la procedura di registrazione

Letta e compresa l'Informativa Privacy, espressamente e liberamente

il trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui al paragrafo 3.1, ivi comprese quelle relative all’invio di newsletter, comunicazioni commerciali, promozionali e di marketing diretto attraverso sistemi di contatto totalmente automatizzati (ferma restando la possibilità di manifestare in qualsiasi momento la volontà di ricevere comunicazioni per le suddette finalità esclusivamente attraverso modalità di contatto tradizionali).

il trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui al paragrafo 3.2, ivi comprese quelle relative all’invio di newsletter, materiale pubblicitario e/o comunicazioni e informazioni di natura commerciale e di marketing indiretto su servizi e prodotti, relativi ad offerte, sconti e ogni altra iniziativa promozionale e di fidelizzazione adottata dai nostri partner commerciali attraverso sistemi di contatto totalmente automatizzati (ferma restando la possibilità di manifestare in qualsiasi momento la volontà di ricevere comunicazioni per le suddette finalità esclusivamente attraverso modalità di contatto tradizionali).

Annulla

Registrazione avvenuta con successo

Close