SERENA E IVANOVIC GRANDI FAVORITE. C’E ANCHE RADWANSKA-JANKOVIC

Serena Williams accende le luci. La statunitense, così come giovedì, torna sul Centrale illuminato (non prima delle 19.30) per continuare la cavalcata verso il tris al Foro Italico, dopo i trofei alzati al cielo di Roma lo scorso anno e nel lontano 2002 su 13 partecipazioni capitoline. Ridotte a routine le pratiche Petkovic e Lepchenko, il tabellone le riserva un’altra avversaria non certo irresistibile, Shuai Zhang. La 25enne cinese, 43 Wta, è arrivata all’appuntamento con la numero uno, battendo a sorpresa al secondo turno Petra Kvitova, ottava testa di serie, e ottenendo gli scalpi di altre due americane, Davis in primo turno e McHale in ottavi. Per lei si tratta della prima volta ai quarti a Roma, dove non aveva mai superato le qualificazioni. Inutile dire che contro Serena la aspetta un’altra storia. Un solo precedente tra le due, a Miami 2012 targato Williams.

Ana Ivanovic - foto Costantini

Ana Ivanovic – foto Costantini

Dopo aver ammaliato il Centrale nella lezione impartita alla Sharapova, Ana Ivanovic si trasferisce sul Grand Stand (secondo match non prima delle 14) dove affronterà Carla Suarez Navarro. La 25enne di Belgrado, che nel 2008 era arrivata fino in vetta alla Wta ed ora è ritornata in orbita top ten (è 13), ha sugellato la sua rinascita, dominando Masha, la giocatrice più in forma sulla terra, reduce dalle vittorie di Stoccarda e Madrid. Sono 7 le partecipazioni di Ana a Roma, dove ha raggiunto le semifinali nel 2010, poi battuta dalla spagnola Martinez Sanchez. Ora c’è un’altra iberica sulla sua strada. La Suarez Navarro, numero 14 fresca e riposata, che ha bissato i quarti 2013 senza giocare il match di giovedì con Simona Halep (la rumena si è ritirata per problemi ai addominali), che la vedeva largamente sfavorita. Un solo precedente, a favore della Ivanovic.

Il match  più valido tecnicamente e forse dall’esito più incerto vede opposte Jankovic, 8 al mondo, contro la numero 3, Radwanska. Da una parte la serba, gran feeling con Roma, dove ha vinto nel 2008 e 2007, ha fatto finale nel 2010, e vanta 11 gettoni di fila. Dall’altra la polacca, poca fortuna sin qui al Foro dove su 7 partecipazioni ha raggiunto soltanto una volta i quarti nel 2009. Il pronostico però ora pende dalla sua parte, i precedenti sono 5-1 in suo favore, l’ultimo a Indian Wells 2014. L’unica vittoria sulla terra sorride però alla Jankovic (Roland Garros 2008).