SINNER-TSITSIPAS, SFIDA NEXT GEN
Ceck-Kohlschreiber e Fognini-Albot

Con Matteo Berrettini già negli ottavi che si gode una giornata di riposo, oggi agli Internazionali BNL d’Italia altri tre azzurri provano ad imitarlo. Il primo a scendere in campo è Fabio Fognini (terzo match sulla Grand Stand Arena): il 31enne di Arma di Taggia, numero 12 Atp e decima testa di serie, che a Roma lo scorso anno ha raggiunto i quarti (stoppato da Nadal), in gran condizione dopo il trionfo nel Masters 1000 di Montecarlo, affronta il moldavo Radu Albot, numero 44 Atp, quest’anno vincitore del suo primo titolo a Delray Beach: uno pari il bilancio dei precedenti ma i due non si sono mai affrontati sulla terra (nel primo turno di Pechino nel 2018 successo dell’azzurro in tre set, al secondo turno di Indian Wells a segno in due il 27enne di Chisinau).

Quindi tocca a Jannik Sinner (quarto match sul “Pietrangeli”): il 17enne di Sesto Pusteria, numero 262 del ranking, che domenica ha battuto in rimonta lo statunitense Steve Johnson, numero 59 Atp, dopo aver salvato un match-point, deve vedersela invece con il greco Stefanos Tsitsipas, numero 9 del ranking mondiale ed ottava testa di serie, in una sfida tutta Next Gen. Sinner, seguito da Andrea Volpini del team di Riccardo Piatti, è la rivelazione di questo avvio di stagione in cui ha vinto un challenger (Bergamo) e raggiunto un’altra finale (Ostrava) oltre a due titoli futures (Trento e Pula): Jannik aveva ottenuto una wild card per il main draw attraverso le pre-qualificazioni.

Nel tardo pomeriggio (quarto match sul campo 2) il recupero del match di Marco Cecchinato, cancellato martedì sera a causa della pioggia: il 26enne palermitano, numero 19 del ranking e 16esima testa di serie, dopo il successo in rimonta sul Next Gen australiano Alex De Minaur, numero 26 Atp, deve vedersela con il tedesco Philipp Kohlschreiber, numero 56 Atp. Tra i due non ci sono precedenti.

Martedì Matteo Berrettini ha avuto la sua “vendetta”. Esattamente un anno dopo il 23enne romano ha incontrato di nuovo Alexander Zverev al secondo turno di Roma e si è preso la rivincita. Berrettini, numero 33 del ranking mondiale, reduce dal successo a Budapest e finalista a Monaco di Baviera, ha sconfitto con un doppio 75, in un’ora e 48 minuti di partita, il 22enne tedesco di Amburgo, numero 5 del ranking e 4 del seeding, campione a Roma nel 2017 ed ancora finalista lo scorso anno, infiammando il pubblico del Centrale. Prossimo avversario per Matteo il vincente del match – in programma oggi – tra l’argentino Diego Schwartzman, numero 22 Atp, e lo spagnolo Albert Ramos-Vinolas, numero 88 Atp, promosso dalle qualificazioni.