TUTTI PRONTI PER FABIO, MARCO E LORENZO
Lo squadrone azzurro è la vera sorpresa degli Internazionali

Difficile concentrarsi sul programma di oggi quando siamo ancora qui a crogiolarci nelle magnifiche vittorie di Matteo Berrettini e Jannik Sinner. Ancora più belle perché se nel primo caso parliamo di una bella storia di tennis che continua, sul giovane Jannik abbiamo il privilegio di aver assistito qui al Foro Italico all’esordio di un ragazzo che unisce già, a 17 anni, talento, carattere e coraggio.

Li rivedremo entrambi in campo domani (Berrettini incontra Zverev, n. 4 Atp in cerca della rivincita) e mercoledì quando Sinner se la vedrà con l’altro giovane fenomeno, il greco Stefanos Tsitsipas (n. 8). “La cosa buona – ha detto Sinner dopo averci pensato un attimo – è che io conosco lui ma lui non conosce me”. Giusto per dire il tipo…

Ma veniamo ad oggi. Il meteo farà anche oggi un po’ di bizze ma poi alla fine si gioca. Un golfino in più potrebbe essere utile.
In campo alle 11, anche sul Centrale (è la novità di Ibi19). Concentriamoci un po’ sul tabellone femminile.
Le sorelle Williams fanno il loro esordio in mattinata. Serena, 38 anni, mamma di Olympia, n. 10 del ranking, torna a Roma dopo quattro titoli vinti e due anni di assenza. C’è grande attesa per la regina del tennis, in campo sul Centrale (ore 13) contro la qualificata Rebecca Peterson (Swe). La sorella Venus, che di anni ne ha 39, incontra la belga Mertens in una partita non facile ma certamente utile in vista di Parigi. In attesa di vedere il fenomeno Osaka sul rosso, superficie anomala per la nippo-americana, proviamo a concentrarci sulle azzurre. Torna a Roma, grazie ad una wild card, Sara Errani, finalista al Foro nel 2016 quando dovette cedere il passo alla più giovane delle Williams. Sarà il terzo incontro sul campo 2 contro la slovacca Viktoria Kuzmova. Partita tutta da vedere perché il cuore generoso di Sara può sempre regalare sorprese. Esordio sul centrale del Foro Italico per Jasmine Paolini nel secondo incontro della sessione serale contro l’americana Kenin.
Non c’è dubbio che i matches clou sono altri e sono due: Marco Cecchinato (n. 16) se le deve vedere con il giovane australiano De Minaur (terzo incontro sul Centrale), oggi n. 26 del ranking, che gli appassionati italiani hanno imparato ad ammirare a novembre scorso alle Next gen Atp finals di Milano. Bella partita, aperta, alla portata dell’azzurro. Un po’ più difficile è invece l’incontro tra Lorenzo Sonego e il russo Khachanov, testa di serie n°11.

Il match che tutti aspettano, l’esordio di Fabio Fognini, è stasera alle 19.30. Sarà il primo incontro sul Centrale del programma serale. Dall’altra parte del campo Jo Wilfred Tsonga, il 34enne francese con la faccia da Mohamed Ali che ha saputo incantare il tennis. Il Centrale del Foro è pronto e ha molta voglia di abbracciare il campione di Montecarlo.

Sono sette gli italiani in tabellone. Ieri, su tre incontri, è uscito solo Andreas Seppi, sconfitto al terzo set da un solidissimo Roberto Batista Augut. Quasi un passaggio del testimone tra Andreas e il giovane Jannik.
Ma oggi, chi verrà al Foro Italico, potrebbe avere la fortuna di vedere allenamenti importanti. Sono in arrivo Rafa Nadal e Roger Federer…