News
Newsletter

Nadal e Svitolina, il re e la regina del Foro Italico

Questo contenuto è stato pubblicato 6 anni fa. Potrebbe essere riferito ad un’edizione passata degli Internazionali d’Italia.

Contrariamente a quanto accade nelle monarchie, si tratta di titoli e cariche a tempo determinato, mica a vita. Durano un anno. Ma per il campione spagnolo sarà l’ottavo anno di regno: molti coronati “veri” della storia non hanno cumulato periodi tanto lunghi.

Per l’ucraina sarà invece il secondo anno consecutivo, che non è roba da poco: significa che ha un feeling particolare con la terra rossa di Roma. Entrambi, Rafa e Elina, hanno sconfitto titolatissimi avversari: il campione uscente Alexander Zverev e la numero 1 del ranking mondiale Simona Halep.

Sono stati match dall’andamento molto difforme. Nadal ha rischiato seriamente di soccombere, dopo aver dominato il primo set e perso malissimo il secondo (6-1 1-6). Il terzo set è stato condizionato dalla pioggia, che ha imposto una sospensione della gara. Alla ripresa, Rafa non ha praticamente sbagliato nulla: 6-3.
Tutt’altra la finale femminile, che Svitolina ha condotto con straordinaria autorevolezza, nonostante la giovane età. Forse è anche stata favorita dal fatto che Halep aveva dovuto faticare parecchio per eliminare in semifinale, sabato, Maria Sharapova.

È stato un torneo perfetto, nonostante la pioggia di inizio settimana. Il fatturato della biglietteria (intorno a 11milioni e 700mila euro) non è da record ma il piccolo calo di circa il 3 per cento è stato compensato da altri ricavi, che portano il fatturato totale a 32 milioni. «Dieci milioni finiranno nelle casse di FIT e CONI Servizi», ha precisato il presidente della Federazione Angelo Binaghi.
Tramite gli Internazionali, insomma, lo sport italiano trova una parte dei finanziamenti dei quali ha estremo bisogno.

Ieri è giunta anche una notizia che farà piacere a molti: Roberta Vinci, che al Foro Italico ha giocato la sua ultima partita, lavorerà per la FIT: dopo un periodo di riposo, entrerà nel settore tecnico della Federazione. La sua esperienza sarà utilissima a fare crescere i giovani tennisti fino a farli diventare campioni: uno sport così popolare lo merita davvero.

Infine, il nostro grazie a tutti voi che siete rimasti in contatto con noi tramite la newsletter. Il nostro impegno è di raggiungervi, senza mai disturbarvi, nel percorso da qui agli IBI 2019.

Nel frattempo, segnalate ai vostri amici, sui social e nella vita reale, la possibilità di iscriversi sul sito degli IBI e di ricevere la newsletter. Darete così una mano a fare crescere il movimento del tennis italiano.

Leggi anche

Title Partner

  • BNL

Main Partner

  • BMW
  • Joma
  • RealeMutua

Official Partner

  • Emirates
  • Dunlop
  • Algida
  • Valmora
  • Pepperstone
  • Hologic
  • Heineken
  • TicketOne
  • Emu
  • RTL
  • Technogym
  • Nilox
  • Edison
  • eCampus
  • Vechain
  • Moscato D’Asti

Iscriviti alla nostra newsletter

Completa la procedura di registrazione

Letta e compresa l’Informativa Privacy, espressamente e liberamente

il trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui al paragrafo 3.2

Annulla

Registrazione avvenuta con successo

Close
x ()